Ricalcolo dell’ISEE: molti hanno sbagliato e rischiano di perdere le agevolazioni

Rischi di perdere le agevolazioni se hai sbagliato a calcolare l’ISEE. Ecco cosa sta succedendo a molte famiglie a causa del Governo.

Si rischia di perdere le agevolazioni del Governo nel 2024 se si sbaglia il calcolo dell’ISEE, a causa di alcune modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2024. Infatti è stato introdotto un provvedimento volto ad alleggerire il carico economico per alcune categorie di famiglie. Molto importante sapere che si tratta di famiglie con ISEE basso, che rischiano di perdere bonus, a causa di un conteggio errato, che può aumentare i redditi percepiti.

Ricalcolo dell'ISEE rischio di perdere le agevolazioni
Perdi i bonus se non presti attenzione all’ISEE dopo la legge di bilancio 2024 (stedo.it)

La questione riguarda alcuni prodotti finanziari come i BOT (Buoni ordinari del Tesoro) e Buoni fruttiferi postali del valore fino ai 50mila euro. Tale legge ha previsto che i titoli di stato e i buoni fruttiferi postali con garanzia dello Stato non vengano conteggiati nel patrimonio mobiliare ai fini del calcolo ISEE, fino ai 50mila euro. Ma come devono fare i detentori di questi titoli per non rischiare di vederli conteggiati nell’ISEE?

Al via il ricalcolo ISEE dopo la Legge di Bilancio: come fare per non perdere le agevolazioni

Come detto in precedenza, la Legge di Bilancio 2024, per alleggerire il carico economico per le famiglie che detengono tali titoli, che ha previsto che i titoli di stato e i buoni fruttiferi postali con garanzia dello Stato non vengano conteggiati nel patrimonio mobiliare ai fini del calcolo ISEE, fino ai 50mila euro. Questo è un sollievo per chi percepisce bonus ed è in difficoltà. Però bisogna presentare nuovamente l’ISEE. Ecco come fare e quando.

Al via il ricalcolo ISEE come non perdere i bonus
Ricalcolo ISEE dopo la Legge di Bilancio: come fare per non perdere i bonus (stedo.it)

Per usufruire di questa agevolazione, una volta che il nuovo regolamento andrà in vigore, sarà necessario presentare una nuova dichiarazione sostitutiva unica (DSU). Ciò significa che chi l’ha già presentata dovranno ripresentarla per escludere i titoli di stato al calcolo dell’ISEE. Il Garante per la privacy ha approvato lo schema di decreto relativo alla revisione del revisione del calcolo ISEE, sottolineando l’importanza di proteggere i dati personali dei cittadini.

Fino a quando non sarà approvato il nuovo regolamento, le regole attuali resteranno in vigore. Ciò significa che tutti i rapporti finanziari, esclusi i titoli di Stato, devono essere dichiarati nella DSU. Sebbene la legge sia stata approvata, l’entrata in vigore della misura dipende dalle modifiche regolamentari. Una volta pubblicato il provvedimento e adottato dall’INPS sarà possibile presentare la DSU per escludere i titoli di stato dal calcolo ISEE.

Impostazioni privacy