Genova, il Palazzo del Municipio torna a risplendere. Ma…

Ripulita e restaurata la facciata principale del Palazzo del Municipio di Genova, quella che dà su Via Sampierdarena.

E’ tornato a fare bella mostra di sé il palazzo municipale di San Pier d’Arena. La facciata principale, quella
che dà su via San Pier d’Arena, è stata completamente ripulita e restaurata, con una particolare attenzione per
le statue e le piccole sculture che la abbelliscono. L’edificio, sorto su un piccolo castello risalente al sedicesimo secolo, fu completato nel 1852 su progetto di Nicolò Arnaldi, con la supervisione dell’architetto Angelo
Scaniglia; fino al 1926 fu la sede del Comune di San Pier d’Arena e, nel corso degli anni, è stato oggetto di
interventi di ristrutturazione e di abbellimento, soprattutto per quanto riguarda le pregevoli decorazioni dei
saloni di rappresentanza.

Genova, buone nuove per il Palazzo del Municipio
Genova, buone nuove per il Palazzo del Municipio – foto fonte: ansa – stedo.it

Dopo più di un anno di lavori, il palazzo è riapparso in tutto il suo splendore, che viene esaltato ancor di più dal grigiore degli edifici circostanti e sembra invece fare da contraltare alla bellissima villa Pallavicino che gli è di fronte; quasi due perle in una via San Pier d’Arena che avrebbe bisogno di molti altri interventi di riqualificazione. Ma non è tutto oro quello che luccica. Passando, alle vere note dolenti, non si può fare a meno di denunciare lo stato di totale abbandono e degrado del cantiere che si doveva occupare della ristrutturazione della palazzina ex sede della biblioteca Gallino in via Cantore: facendo, nei giorni scorsi, un
banale sopralluogo, abbiamo notato la totale assenza di controllo sul cantiere stesso, che si poteva trasformare in un vero pericolo sotto molti punti di vista.

Oltre ai detriti, un accesso al cantiere che porta ad alcune finestre era privo di qualsiasi protezione ed era stato scoperto, purtroppo, anche da loschi individui che hanno utilizzato quello che doveva essere un centro di eccellenza per San Pier d’Arena come luogo dove fare festini a base di eroina. Non solo: le transenne del cantiere dal lato via Cantore erano state forzate e semiabbattute. Lo spettacolo non era certo qualificante per questa zona centrale di San Pier d’Arena.

Impostazioni privacy